Home

auguri

CASARTIGIANCASSA  “JUST”

Un’altra grande opportunità targata CASARTIGIANI/UNIONE ARTIGIANI CIOCIARI con la collaborazione con ARTIGIANCASSA. Si tratta di un nuovo progetto rivolto a favorire in via esclusiva gli ASSOCIATI per l’accesso al credito a condizioni agevolate. Un affidamento a breve termine da concedere attraverso scopertura di cassa, con costi di istruttoria contenuti ed un tasso di interesse molto agevolato. La durata ( massimo 12 mesi rinnovabili) e l’importo del finanziamento (fino ad un massimo di 15mila Euro).  CASARTIGIANCASSA “JUST” consentirà inoltre ai nostri associati importanti altri vantaggi correlati alla possibilità di accedere a numerosi altri servizi bancari, messi a disposizione da Artigiancassa BNL a condizioni di favore, fra questi evidenziamo:

Finanziamenti finalizzati;

Telepass X Biz – Powered with BNL;

e-banking;

Carta di Credito Prepagata.

Per Maggiori informazioni contattare i nostri Uffici al N° 0775824230

******************************************************************************************

FIRMATO PROTOCOLLO D’INTESA TRA ACEA E UNIONE ARTIGIANI CIOCIARI:

L’accordo è finalizzato alla definizione e alla realizzazione di strumenti di semplificazione amministrativa a favore delle imprese e delle persone fisiche associate alla nostra struttura, volti a ridurre le tempistiche e favorire l’interlocuzione nella gestione dei rapporti col gestore del servizio idrico integrato. A tal fine si propone l’attivazione di uno sportello di interfaccia con L’Unione Artigiani Ciociari sulle problematiche in argomento, collegato telematicamente con Acea Ato 5. Lo sportello sarà collocato presso la sede legale dell’Associazione, con sede in Via Marittima 141 Frosinone, Tel 0775/824230. In tale sede sarà possibile, da parte delle imprese e persone fisiche associate, attivare un canale diretto di interlocuzione con il Gestore dell’acqua.

*********************************************************************************************

Fatturazione elettronica 2019: tutti gli esclusi, novità nel Decreto fiscale

Il Decreto fiscale approvato, con tanto di emendamento omnibus, ha modificato leggermente l’impianto del testo iniziale, anche in materia di fatturazione elettronica 2019. L’ultimo emendamento approvato propone l’esonero dall’obbligo per gli operatori sanitari.

Categoria che dunque, a Decreto approvato, si aggiungerà a tutti gli altri beneficiari dell’esenzione dall’obbligo di invio.

Vediamo un po’ più in dettaglio la mappa di tutti gli esclusi dall’obbligo di fatturazione elettronica, con riferimento anche al Decreto fiscale emendato, e ripercorriamo la strada della fattura elettronica con l’imminente entrata in vigore dell’obbligo dal 1° gennaio 2019.

Fatturazione elettronica 2019: cos’è

In ottica semplificazione e innovazione, anche in ambito fiscale, la fatturazione elettronica è un sistema digitale di emissione, trasmissione e conservazione delle fatture. Una misura che consente di mandare in pensione la carta, e velocizzare e digitalizzare gli adempimenti fiscali di fatturazione.

Il nuovo formato destinato alle e-fatture è un formato digitale chiamato xml (eXtensible Markup Language), coinvolgendo in questa danza diversi attori: il fornitore o il suo intermediario, il Sistema di Interscambio nazionale (SdI) e la Pubblica Amministrazione destinataria della fattura.

Fatturazione elettronica 2019: quando entra in vigore

Dal 2015 la e-fattura è obbligatoria nei rapporti commerciali tra aziende private e Pubblica Amministrazione. Dal prossimo 1° gennaio 2019 invece, per effetto della Legge di bilancio 2018, la fattura elettronica diventerà obbligatoria per tutti. I soggetti titolari di partita Iva, il cosiddetto settore B2B. L’obbligo generale entrerà quindi in vigore il 1° Gennaio 2019.

Fatturazione elettronica 2019: chi deve inviarla

l’obbligo di e-fatturazione coinvolge una platea di diversi attori economici, secondo quanto stabilito per legge. A partire dal 1° gennaio 2019 quindi queste categorie non potranno sottrarsi all’invio e conservazione della e-fattura:

  • gli Operatori Iva – soggetti o stabiliti in Italia – che dovranno emettere e ricevere le proprie fatture per cessioni di beni e prestazioni di servizi esclusivamente in modalità elettronica;
  • gli Operatori Iva sia Business to Business sia Business to Consumer (cioè nei rapporti con i consumatori finali.

In particolare:

  • gli operatori economici, cioè i fornitori di beni e servizi verso le PA, obbligati alla compilazione/trasmissione delle fatture elettroniche e alla conservazione a norma. Va precisato che le fatture emesse dagli intermediari per la trasmissione delle dichiarazioni dei redditi e per la riscossione mediante modello F24 sono, al momento, derogate dagli obblighi.
  • le Pubbliche Amministrazioni, che devono effettuare una serie di operazioni collegate alla ricezione della fattura elettronica
  • gli intermediari (banche, Poste, altri intermediari finanziari, intermediari di filiera, commercialisti, imprese ICT), vale a dire soggetti terzi ai quali gli operatori economici possono rivolgersi per la compilazione/trasmissione della fattura elettronica e per la conservazione a norma. Possono servirsi degli intermediari anche le PA per la ricezione del flusso elettronico dei dati e per l’archiviazione sostitutiva.

Fatturazione elettronica 2019: ultime novità nel Decreto fiscale

Iniziando ad avvicinarsi al mondo dei soggetti che potranno evitare di inviare fatture elettroniche, ricordiamo che nel Decreto Fiscale 2019 è stato approvato un recente emendamento che propone un nuovo articolo che estrometta dall’obbligo di fatturazione elettronica gli operatori sanitari: in particolare l’esonero dall’obbligo di fatturazione elettronica, per il periodo d’imposta 2019, per i soggetti tenuti all’invio dei dati al Sistema tessera sanitaria, ai fini della dichiarazione dei redditi precompilata.

Chi sono gli operatori sanitari in questione, tenuti all’invio dati al Sistema tessera sanitari? Ecco a chi si riferisce l’emendamento:

  • le aziende sanitarie locali,
  • le aziende ospedaliere,
  • gli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico,
  • i policlinici universitari,
  • le farmacie, pubbliche e private,
  • i presidi di specialistica ambulatoriale,
  • le strutture per l’erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e di assistenza integrativa,
  • gli altri presidi e strutture accreditati per l’erogazione dei servizi sanitari
  • gli iscritti all’Albo dei medici chirurghi e degli odontoiatri.

Altra novità emersa dal Decreto fiscale riguarda la proroga della moratoria sulle sanzioni per chi non si adeguerà all’obbligo. Attualmente è prevista un periodo di transizione fino al 30 giugno che eviterà la mannaia delle sanzioni. La proroga della moratoria sulle sanzioni per la fattura elettronica è prevista fino a settembre 2019

Fatturazione elettronica 2019: tutti gli esclusi

Vediamo ora la mappa di tutti coloro che sono esonerati dall’obbligo di invio fattura elettronica 2019: una platea di oltre 5 milioni di soggetti titolari di partita Iva

Ricordiamo però che ciò non esime questi soggetti dall’avere comunque a che fare che fatture digitali, inviate magari dai loro fornitori.

Ecco tutti gli esclusi dalla fatturazione elettronica 2019:

  • gli operatori sanitari (aziende sanitarie locali e ospedaliere, istituti di ricovero, farmacie, policlinici universitari, ambulatori specialistici ambulatoriali, iscritti all’Albo dei medici chirurghi);
  • i contribuenti che hanno aderito al regime forfetario e vecchi minimi (ricordiamo la nuova soglia di accesso fino a 65 mila euro per il 2019);
  • esercenti e artigiani che operano solo con consumatori ed emettono scontrini e ricevute fiscali (per questi l’obbligo è rinviato);
  • gli agricoltori in regime speciale
  • le imprese che effettuano cessione di beni e prestazione di servizi nei confronti di non residenti

Per Maggiori informazioni contattare i nostri Uffici al N° 0775824230

***********************************************************************************************

Fondo Rotativo per il Piccolo Credito, 39 milioni per le imprese

Fornire risposte rapide alle Micro, Piccole e Medie imprese (MPMI) con esigenze finanziarie di minore importo, minimizzando costi e tempi e semplificando le procedure d’istruttoria e di erogazione. E’ questo l’obiettivo del Fondo Rotativo per il Piccolo Credito, finanziato con 39 milioni di euro (di cui 24 a valere sul POR FESR Lazio 2014-2020 e 15 su fondi regionali) e gestito dal Raggruppamento Temporaneo di Imprese costituito tra Artigiancassa e Medio Credito Centrale, individuato quale “Soggetto gestore” a seguito a seguito dell’aggiudicazione del bando di gara.

Il Fondo è suddiviso in quattro sezioni:

  • Sezione I – settore manifatturiero
  • Sezione II – tutti i settori, con riserva per il settore commercio
  • Sezione III – tutti i settori, esclusivamente per interventi volti al risparmio energetico
  • Sezione IV – interventi a valere su fondi regionali rivolti ad artigiani, società cooperative, trasporto non di linea, turismo, botteghe storiche (sottosezione attiva dal 20 settembre 2018)

Possono presentare domanda di agevolazione:

  • Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI);
  • Consorzi e Reti di Imprese aventi soggettività giuridica, esclusivamente per gli interventi previsti nell’ambito della Sezione III, volti al risparmio energetico;
  • Liberi professionisti.

L’agevolazione consiste in un finanziamento con le seguenti caratteristiche:

  • importo: minimo 10.000, massimo 50.000 euro;
  • durata: minimo 36 mesi, massimo 60 mesi;
  • preammortamento: massimo 12 mesi, in caso di finanziamenti di durata pari o superiore a 24 mesi;
  • tasso di interesse: zero;
  • rimborso: a rata mensile costante posticipata.

Il costo totale ammissibile del progetto non deve essere inferiore a 10.000 euro. Il finanziamento agevolato può coprire fino al 100% dell’investimento.

Per Maggiore informazione o chiarimenti rivolgersi alla nostra Associazione chiamando il n° 0775/824230.

Voucher per la digitalizzazione delle Pmi

Le imprese assegnatarie del “Voucher per la digitalizzazione” possono presentare le richieste di erogazione a partire dal 14 Settembre 2018. Per informazioni sulla procedura rivolgersi presso la nostra sede oppure chiamare al numero 0775/824230vaucherdigitalizzazione

Nuova Convenzione per i nostri Associati con UNIPOLSAI con sconti dal 15 al 40%

UNIPOL

***********************************************

MENZIONI DEL PREMIO “GIUSEPPE GUARINO” CONFERITE A MONDELLO IN OCCASIONE DELL’ASSEMBLEA CONFEDERALE CASARTIGIANI

mario-salati

Mario Salati

Imprenditore di grande livello, grande amico dell’artigianato e di CASARTIGIANI, premiato per l’impegno, la serietà, l’equilibrio e per la sua grande indiscussa umanità.

 

PMI: LE IMPRESE ITALIANE NEL MONDO
BANDO PER L’INTERNAZIONALIZZAZIONE 2018

Contributi a fondo perduto per le PMI della provincia di Frosinone che desiderano ampliare il proprio business all’estero.
Scopri il Bando di Aspiin per l’internazionalizzazione delle imprese e le misure finanziabili!

Beneficiari

– PMI
– CONSORZI E RETI DI IMPRESA

Attività finanziabili

• Misura A) Partecipazione a fiere internazionali che si svolgono sia in Italia che all’estero
• Misura B) Missioni d’affari all’estero con incontri btob
• Misura C) Show room all’estero per esposizione dei prodotti

Importo del contributo

Contributo a fondo perduto nella misura del 50% delle spese sostenute al netto dell’IVA.

 euro 4.000,00 per le azioni che si terranno all’estero a fronte di un investimento/spesa del richiedente pari o superiore a € 8.000,00
 euro 2.000,00 per le azioni che si terranno in Italia a fronte di un investimento/spesa del richiedente pari o superiore € 4.000,00

Presentazione delle domande di contributo

Le domande possono essere presentate dal 4 giugno 2018, ore 10.00 fino al 30 novembre 2018, ore 10.00.
Il Bando e la modulistica sono pubblicati sull’Albo Camerale on line sul sito della Camera di Commercio di Frosinone www.fr.camcom.it e sul sito internet di Aspiin ww.aspiin.it.
Le domande devono essere presentate almeno 30 e non più di 90 giorni prima della data di inizio delle attività. Le azioni ammissibili a contributo sono quelle avviate entro e non oltre il mese di febbraio 2019.
Tutte le domande dovranno essere presentate al seguente indirizzo PEC: internazionalizzazione.aspiin@legalmail.it e dovranno essere redatte sull’apposito modulo scaricabile dai siti internet www.aspiin.it; www.fr.camcom.it/Albo Camerale.

Sei interessato all’avviso pubblico e vuoi conoscere tutti i dettagli rivolgiti alla Nostra Associazione chiamando il n° 0775/824230 oppure inviando una e.mail al seguente indirizzo info@unioneartigiani.org

*********************************************************************************************

Bando AIDA 2018: Contributi a fondo perduto per l’innovazione tecnologica

La Camera di Commercio di Frosinone, nell’ambito delle proprie iniziative volte a favorire lo sviluppo dell’economia locale, intende sostenere ed incentivare, attraverso il bando A.I.D.A., i programmi di innovazione tecnologica.

I contributi camerali, a titolo di interventi di sostegno a fondo perduto, verranno erogati a favore di microimprese e piccole imprese di produzione e di servizi ai sensi della normativa comunitaria.

Il Bando è rivolto alle imprese che vogliano realizzare programmi di attività tali da innalzare il loro potenziale di crescita attraverso il sostegno alle politiche di innovazione del processo produttivo e del prodotto attraverso:

  • la ricerca applicata;
  • il trasferimento di conoscenze ed innovazioni tecnologiche;
  • l’acquisizione o la registrazione di brevetti;
  • il ricorso a tecnologie digitali coerenti con il Piano nazionale Impresa 4.0.

Gli interventi finanziabili sono così suddivisi:

a) “MISURA A”: destinata a microimprese e piccole imprese che, alla data di presentazione della domanda, siano iscritte al Registro Imprese della CCIAA di Frosinone da non oltre 24 mesi;

b) “MISURA B”: destinata a tutte le altre microimprese e piccole imprese regolarmente iscritte al Registro Imprese della CCIAA di Frosinone.

Le domande, redatte sull’apposito modulo e corredate della documentazione richiesta dovranno essere presentate entro e non oltre il giorno 20 luglio 2018, esclusivamente tramite casella di Posta Elettronica Certificata, al seguente indirizzo promozione@fr.legalmail.camcom.it

Per informazioni contattare l’Associazione al n°0775824230 mail info@unioneartigiani.org

***********************************************************************************************

LAZIO.FONDO.FUTURO

AL VIA LE DUE NUOVE SEZIONI SPECIALI DEL FONDO

PER IL MICROCREDITO E LA MICROFINANZA

Fondo Futuro 31,5 milioni di euro

La Regione Lazio rilancia Fondo Futuro con un intervento di erogazione di piccoli finanziamenti a tasso agevolato rivolti a microimprese e a liberi professionisti che si trovino in situazioni di difficoltà di accesso al credito bancario ampliando l’ambito dei soggetti prioritari con l’inserimento, tra questi, delle donne.

La dotazione finanziaria di Fondo Futuro è pari a 31,5 milioni di euro, provenienti dai fondi europei del POR FSE 2014-2020, per finanziare progetti di autoimpiego, l’avvio di nuove imprese o la realizzazione di nuovi progetti promossi da imprese esistenti.

  • Risorse finanziarie suddivise in annualità
  • Riserve per soggetti prioritari: fascia di età, fascia di reddito, partecipanti a progetti regionali (torno subito, instudio, coworking), lavoratori svantaggiati, donne
  • Riserva per finanziamenti alle imprese operanti nell’Area del Cratere Sismico
  • Intervento operativo fino al 2023

A chi si rivolge Fondo Futuro:

  • microimprese già esistenti (ditte individuali, società di persone, SRL, SRLS)
  • microimprese ancora da costituire
  • titolari di partita IVA

che abbiano difficoltà o impossibilità di accesso al credito bancario ordinario.

Il finanziamento: i progetti ritenuti idonei potranno beneficiare di prestiti di importo compreso tra 5.000 e 25.000 euro, da restituire al tasso di interesse dell’1%, con una durata variabile e comunque non superiore a 84 mesi, incluso l’eventuale preammortamento. Sono ammissibili le spese relative al progetto presentato, che andrà realizzato entro 12 mesi dall’ottenimento del prestito.

***********************************************************************************************

Inizio Corsi 8 Dicembre 2018 ore 15.30

sicurezza

SICUREZZA D. Lgs 81/08: I CORSI IN PROGRAMMA

Di seguito vi proponiamo i corsi di formazione obbligatoria riguardanti le normative vigenti e gli adempimenti di legge relativi alla sicurezza in azienda D.Lgs 81/08  con inizio il giorno 9 Dicembre

  • CORSO PER RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE ( RSPP ) – DATORI DI LAVORO
  • CORSO DI PREVENZIONE IGIENICA DEGLI ALIMENTI ( HACCP )
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL SERVIZIO ANTINCENDIO RISCHIO BASSO – MEDIO E ALTO
  • CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI AL SERVIZIO ANTINCENDIO RISCHIO BASSO – MEDIO E ALTO
  • CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO AZIENDALE
  • CORSO FORMAZIONE RLS
  • CORSO FORMAZIONE E INFORMAZIONE DIPENDENTI ART.36/37

Per iscrizioni e per maggiori informazioni contattare in associazione al n°0775824230 mail info@unioneartigiani.org

Riferimento Collalti Alfredo 3386954335

AVVISO_IMPORTANTE_7830440a188a2e312d505920629e4e21

SI COMUNICA CHE DAL GIORNO 3 APRILE 2017 IL NOSTRO UFFICIO SI E’ TRASFERITO IN VIA MARITTIMA 141 FROSINONE

cartina

 

Si comunica che sono aperte le iscrizioni per il Corso di “TECNICO  MECCATRONICO DELLE AUTORIPARAZIONI” riconosciuto dalla Regione Lazio.

Per le iscrizioni chiamare al numero 0775/824230

C.Meccatronico

 

PARERI IMPORTANTI – INTERVISTA A MARIO SALATI

mario-salati

Uno dei migliori imprenditori di CASARTIGIANI, piccolo imprenditore professionale di vaglia, signore della più bella consistenza. Ha raccolto un’eredità difficile, a Frosinone, e con tenacia porta avanti, nonostante tutto, l’impegno associativo con dignità e coraggio.
Uno di quelli che rendono migliore con l’educazione e la qualità un contesto associativo , un ambito familiare e la situazione umana. Uno di quei dirigenti che non si pone mai in atteggiamenti apodittici ma cerca sempre l’ispirazione e l’intuizione nel senso corale della comprensione e della saggezza tipica della sua amata terra.

1) Presidente, il Professor De Rita, uno dei maestri di riferimento del nostro Presidente, ama dire “le crisi” quando non azzoppano fortificano e aggiunge che noi italiani siamo uno strano miscuglio di culture e che per questa ragione abbiamo un grande spirito di adattamento. In tal senso qual è la sua osservazione sullo stato della crisi nel nostro Paese?

Penso che l’attuale situazione economico-sociale stia attraversando uno dei periodi peggiori dal dopo guerra sia da parte della imprese che dalla parte dei cittadini,  si parla di ripresa ma penso che ci voglia ancora del tempo. Riprendendo le parole del professor De Rita sicuramente la crisi fortifica ma per reagire a questa situazione ci vorrebbe maggiore stabilità e ricreare ottimismo.

2) Per l’abbassamento delle tasse e per una burocrazia che non sia più opprimente servono risorse. Qual è il modello Casartigiani Lazio? Pensa che con la chiusura di EQUITALIA, la cancellazione degli studi di settore e la nuova Iri si vada nella giusta direzione?

Penso che la pressione fiscale sia troppo alta per le nostre imprese sicuramente un abbassamento delle tasse ma soprattutto uno snellimento della burocrazia potrebbe essere un modo per stimolare una probabile ripresa. Per ciò che riguarda la chiusura di Equitalia e la cancellazione degli studi di settore penso che sia ancora una volta solo una manovra illusiva.
3) In ultimo, sull’attualità, cosa ne pensa del Referendum Costituzionale e dell’Italicum anche solamente a titolo personale?

Penso che gli argomenti del Referendum siano molto difficile da comprendere a pieno, a mio giudizio gli elettori sono chiamati ad esprimersi su tematiche che in pochi abbiano compreso totalmente. Inoltre, visti e commenti e gli scontri da parte degli esponenti della politica, questo Referendum sia diventato più un problema di carattere politico che una consultazione popolare..

************************************

 

 

logo_artigiancassapoint_new_lungo

CASARTIGIANI Frosinone  con Artigiancassa Point per la soluzione del Credito alle Imprese

L’ArtigianCassa Point presente presso la nostra Sede di Frosinone sede Via Casilina Nord 385  , distribuisce prodotti e servizi su misura per gli artigiani. Una piattaforma tecnologica consente al Point di erogare servizi bancari a favore dei propri associati. Il processo di formazione seguito dai nostri addetti permette di omogeneizzare il rapporto con la clientela per un’efficiente distribuzione di prodotti e servizi, tra i quali:

– Finanziamenti ed agevolazioni per:

  • Avvio Attività, destinato all’avvio dell’attività artigiana;
  • Energia Verde, destinato all’investimento in impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili;
  • Imprenditoria femminile, destinato all’imprenditoria femminile;
  • Finanziamenti destinati a soddisfare svariate esigenze come acquisto impianti e attrezzature, investimenti, ripianamento passività, scorte, anticipo contributi a breve termine, liquidità a breve, investimenti di medio e lungo termine.

– Business Key Artigiancassa prodotta da InfoCert, che permette di firmare qualsiasi documento avente valore legale;

– Legal Mail;

– Conti Correnti e Carte di Credito

La semplicità è possibile con Artigiancassa

I nuovi prodotti della linea finanziamenti Artigiancassa permettono:

• l’acquisto di scorte
• la realizzazione di investimenti produttivi
• la crescita della tua attività

Parametri tasso: IRS 5a per il fisso; Euribor a 1mese o 3mesi per il variabile.

Rilevazione al 03/07/12 rispettivamente pari a:

irs5a: 1,29   euribor1m 0,371   euribor3m 0,650

Quindi, tasso finito per l’impresa pari a

4,09 – 4,54 tasso fisso

3,17 – 3,62 tasso variabile mensile

3,45 – 3,90 tasso variabile trimestrale

Rimborso personalizzato con rate mensili, trimestrali o semestrali.

Spese, commissioniedaltrioneri 0,40% con un minimodi € 150,00

Vantaggi per gli Artigiani:

•Il finanziamento si richiede direttamente presso la nostra sede

    Le Vostre Visite